Tu sei qui

Tavolo appalti

Partendo dall’assunto che la legislazione, sia nazionale che provinciale, ha abbandonato la procedura di affido al massimo ribasso, orientandosi verso l’offerta economicamente vantaggiosa, il gruppo di lavoro delegato dal Consiglio ha deciso di affrontare la materia in modo organico, al fine di sottoporre al tavolo una proposta coerente.

Tavolo appalti

Si è partiti da una “matrice” ove gli affidi venivano suddivisi in ascissa per l’importo a base d’asta, ed in ordinata per la “complessità e ripetitività della prestazione”. Scopo della matrice era individuare procedure che, per gli incarichi caratterizzati da serialità, permettessero una valutazione automatica delle proposte, senza la necessità di istituire giurie, riducendo al minimo il carico burocratico per i concorrenti; per gli incarichi invece caratterizzati da un’importante componente qualitativa, si prevedevano procedure in grado di orientare la scelta dell’ente aggiudicatore rendendo dirimente proprio tale componente.

 

La prima proposta elaborata è stata successivamente messa a punto, anche con l’apporto di esperti in materie giuridico-amministrative, e quindi trasmessa al tavolo appalti. Alcuni apporti sono già stati integrati nella legislazione provinciale, mentre l’augurio è che, nelle successive implementazioni, il contributo dell’Ordine degli Architetti e degli Ingegneri trovi sempre maggiore condivisione.

 

Oltre alla presenza al Tavolo provinciale, il gruppo di lavoro sugli appalti opera un costante monitoraggio delle procedure di affido incarichi su tutto il territorio provinciale, contattando le stazioni appaltanti laddove vengano segnalate criticità, al fine di operare correttivi preventivi, ma anche intervenendo ex post laddove vengano ravvisate violazioni dei principi di trasparenza e di parità di accesso alle procedure, per tutti i concorrenti.

 

Al fine ottimizzare tale apporto, si sta valutando la possibilità di estendere alla provincia di Trento la piattaforma on-line del Consiglio Nazionale Architetti PPC, denominata ONSAI (Osservatorio nazionale servizi di ingegneria e architettura), mediante la quale sarà possibile una valutazione ex ante ed ex post, totalmente automatizzata, di ogni bando. Tale piattaforma potrebbe essere a disposizione sia delle stazioni appaltanti, che dei
concorrenti.

Membri del tavolo: Claudio Battisti,
Umberto Botti, Marco Giovanazzi,
Susanna Serafini, Alessia Tomasi