Tu sei qui

Inclusive Park Petrarca Bolzano

Il percorso è importante quasi quanto il risultato: un esempio di cittadinanza attiva che trova ascolto, disponibilità e supporto concreto da parte della Politica e dell'Amministrazione Comunale. Un percorso che nasce dal basso, dall'idea di Christine Janssen (fisioterapista presso il Servizio di Neurologia e riabilitazione dell'età evolutiva del’Ospedale di Bolzano) e dall'esigenza espressa dai genitori di bambini disabili di avere un spazio dove far giocare i propri figli, serenamente e in sicurezza, insieme agli altri bambini.

Inclusive Park Petrarca Bolzano

Marco Bassetti in rappresentanza dei genitori, Christine Janssen ed Elena Menegon, logopedista presso il Servizio di Neurologia e riabilitazione dell'età evolutiva dell’Ospedale di Bolzano e membro del direttivo del VKE, iniziano a delineare le linee guida del progetto nella primavera del 2014. Alla base c'è l'idea non di costruire una struttura ad hoc, ma di andare ad arricchire e ad integrare, con un intervento mirato e leggero, una struttura esistente in città, già punto di ritrovo e area gioco per bambini e famiglie, così da renderla, per l'appunto, inclusiva: ovvero accessibile e fruibile da tutti i bambini, anche quelli con disabilità. L'area gioco situata al Parco Petrarca, in zona ex Orso Pippo, dopo diversi sopralluoghi e valutazioni, è parsa la soluzione più adatta: centrale, ombreggiata, facilmente raggiungibile, ben servita e situata nelle vicinanze dei Centri di riabilitazione di via Guncina e di via Fago e del Centro Ciechi San Raffaele di vicolo Bersaglio. In seguito ai primi rilievi viene delineata una prima bozza di progetto, supportati dall'Ing. Günter Dichgans e dall'Ing. Christian Sölva del VKE.

Il progetto viene presentato nell’autunno 2014 all'allora Assessore Patrizia Trincanato e alla Giardineria, che si prodigano immediatamente per ottenere l'approvazione da parte della Giunta e un'adeguata copertura finanziaria. Il progetto, nella fase esecutiva, viene seguito passo passo, con competenza e spirito collaborativo, dalla geom. Katia Zanoner della Giardineria Comunale.

In particolare vengono studiate diverse soluzioni di pavimentazioni e attrezzature presenti sul mercato che possano essere realmente utilizzate da tutti i bambini e mantenute negli anni. Con costante collaborazione Katia Zanoner e Christine Ianssenhanno studiato tra l’altro un percorso con corrimano in acciaio per bambini ipovedenti e per bambini che necessitano di riabilitazione motoria. I bambini potranno utilizzare la struttura, accompagnati dai terapisti o dai genitori, per fare esercizi di riabilitazione all'aperto invece di restare chiusi in un edificio. Da quanto ci risulta si tratta del primo percorso in acciaio, appositamente studiato per bambini piccoli, realizzato da un’amministrazione comunale in un parco pubblico.

La pavimentazione dell'area è stata realizzata in colato di gomma di diversi colori per poter accedere facilmente anche con carrozzine e sedie a rotelle. Tutte le attrezzature presenti, altalena doppia, tavolo sabbia, gioco a molla, non perdere il filo, tavolo pic-nic, ecc... sono adatte anche a bambini con varie disabilità.

Inclusive Park Petrarca Bolzano
Inclusive Park Petrarca Bolzano
Progetto Parco giochi inclusivo
Progetto Parco giochi inclusivo
Progetto Parco giochi inclusivo

Progetto Parco giochi inclusivo

DATI

Luogo: Bolzano, Parco Petrarca

Progetto e Direzione Lavori:
Geom. Katia Zanoner - Servizio Giardineria Comune di Bolzano

Committente: Comune di Bolzano

Tipologia: Parco pubblico pensato per bambini fino ai 6 anni

Inizio lavori: 16.05.2016

Fine lavori: 26.07.2016

Costi:
Euro 67.869 (iva inclusa) Delibera n. 673 del 24.11.2015
Euro 7.183,36 (iva inclusa) Determina n. 9037 del 19.10.2015
Euro 7.982,37 (iva inclusa) Determina n. 4621 del 23.05.2016

Con la collaborazione di:
Marco Bassetti, in rappresentanza dei genitori dei bambini
Dott.ssa Christine Janssen - fisioterapista del Servizio di Neurologia e riabilitazione dell’età evolutiva del l’Ospedale di Bolzano
Dott.ssa Elena Menegon - logopedista del Servizio di Neurologia e riabilitazione dell’età evolutiva del l’Ospedale di Bolzano
Dott. Gianluca Casara - responsabile del Servizio di Neurologi e riabilitazione dell’età evolutiva dell’Ospedale di Bolzano
Dott. Arrigo Baldo - Direttore del Centro di Riabilitazione fisica estraospedaliera dell’Ospedale di Bolzano
Dott.ssa Elisabeth Gitzl - Direttrice del Centro Ciechi San Raffaele di Bolzano