Tu sei qui

Il Comitato provinciale per la cultura architettonica e il paesaggio

Prendendo spunto da esperienze virtuose già presenti nel contesto europeo, soprattutto nei paesi di lingua tedesca come Austria, Svizzera e Germania, il Forum dell’Osservatorio del paesaggio ha proposto, in analogia a quanto avviene da circa un decennio nel vicino Alto Adige, l’istituzione anche in Trentino di un organismo specialistico di consulenza sui temi della qualità architettonica e paesaggistica degli interventi di trasformazione del territorio.

Il Comitato provinciale per la cultura architettonica e il paesaggio

La sollecitazione è stata recepita dalla Legge provinciale per il governo del territorio n. 15 del 2015 che, all’articolo 13, ha previsto l’istituzione del Comitato provinciale per la cultura architettonica e il paesaggio. Con due successive deliberazioni (n.181 del 2016 e n.1133 del 2017) la Giunta provinciale ha dato attuazione alla previsione normativa, ha definito la composizione e precisato le competenze e le modalità di funzionamento del Comitato. Al Comitato è affidato il compito di:

  • valutare la progettazione di interventi pubblici e privati, anche relativi alla sistemazione di spazi aperti, ed eventualmente proporre soluzioni alternative per migliorare la qualità architettonica;
  • valutare l’inserimento nel contesto paesaggistico e la connessione tra spazi pubblici e privati;
  • contribuire alla sensibilizzazione dell’opinione pubblica riguardo al modo di costruire rispettando i luoghi e il paesaggio;
  • fornire alle amministrazioni pubbliche un supporto specialistico in materia di paesaggio e di assetto urbano.

Il Comitato, la cui attivazione è facoltativa, gratuita e non vincolante, si esprime dopo aver effettuato un sopralluogo sul sito di progetto assieme ai richiedenti e ai rappresentanti degli enti territoriali e delle Commissioni paesaggistiche compenti.
La consulenza del Comitato può essere richiesta dagli organi deputati al rilascio di pareri o autorizzazioni, da progettisti e da committenti pubblici o privati per i progetti che:

  • per dimensione, localizzazione, o particolare interesse tipologico o architettonico siano valutati particolarmente significativi rispetto al relativo quadro paesaggistico;
  • possano determinare trasformazioni rilevanti rispetto a insediamenti storici, aree agricole, insediamenti consolidati;
  • consentano l’elaborazione di riflessioni utili e generalizzabili, relativamente a temi architettonici e paesaggistici.

Al fine di rendere più efficace ed incisiva l’azione del Comitato è preferibile che lo stesso sia attivato nelle fasi iniziali della progettazione.
Il Comitato rimane in carica per tre anni ed è composto da professionisti di provata esperienza nella progettazione architettonica, paesaggistica e urbana nel contesto alpino. Gli esperti provengono da differenti realtà territoriali a garanzia di un punto di vista esterno e neutrale nella valutazione dei progetti e di una visione complessiva della problematica specifica dell’architettura alpina.
I tre professionisti che costituiscono attualmente il Comitato sono:

  • l’arch. Elena Galvagnini, componente dal 2006 al 2010 del Comitato provinciale per la cultura edilizia ed il paesaggio della Provincia autonoma di Bolzano;
  • il prof. arch. Carlo Magnani direttore del dipartimento di culture del progetto dello IUAV, membro dal 2002 al 2012 della giuria del Premio Architettura Città di Oderzo;
  • l’arch. Markus Scherer, vincitore del Premio Architettura Città di Oderzo 1998 e di più premi e segnalazioni per progetti nell’area alpina.

La richiesta di consulenza va inoltrata all’Incarico Speciale (I.S.) di supporto alle attività di studio e ricerca in materia di paesaggio della PAT - Segreteria tecnico scientifica dell’Osservatorio del paesaggio.
Alla richiesta vanno allegati una descrizione del progetto (1 pagina A4), fotografie del luogo e delle sue immediate vicinanze, schizzi del progetto, eventuali progetti di massima o definitivi, fotografie di plastici o fotoinserimenti.
La consulenza del Comitato non sostituisce le procedure autorizzative previste per gli interventi di trasformazione del territorio né si esprime in termini di conformità a norme urbanistiche ed edilizie, ma è volta a suggerire soluzioni progettuali finalizzate a migliorare la qualità architettonica, l’inserimento nel contesto paesaggistico e la connessione tra spazi pubblici e privati. Il Comitato non si pronuncia su progetti oggetto di ricorso alla Giunta provinciale.
Il bilancio dei primi sedici mesi di attività del Comitato registra una costante crescita delle consulenze. La prima seduta del Comitato è stata effettuata nel giugno del 2016 e nel corso di quell’anno si sono effettuati due incontri per un totale di 4 progetti esaminati. Al novembre del 2017, la cadenza degli incontri è stata quasi mensile, per un totale di 8 sedute e 21 progetti esaminati.
I progetti oggetto di consulenza sono stati di iniziativa sia privata che pubblica con una netta prevalenza di questi ultimi. La tipologia dei progetti è stata piuttosto diversificata con proposte che hanno spaziato dal semplice intervento edilizio a carattere residenziale, a edifici turistici o produttivi, a casi più complessi, legati a tematiche di carattere insediativo anche nel contesto di piani attuativi.
In alcune occasioni, data la complessità del progetto, la consulenza ha generato una collaborazione tra committenti, progettisti e membri del Comitato, che ha permesso di approfondire la progettazione in più sedute e confronti successivi, innescando un ciclo virtuoso di accompagnamento finalizzato al progressivo affinamento del progetto.
Le modalità di lavoro del Comitato sono orientate a creare condivisione tra tutti gli attori che solitamente partecipano al processo autorizzatorio degli interventi di trasformazione del territorio: dal progettista, ai committenti, alle commissioni e agli enti ai quali spetta l’autorizzazione finale.
Tutte le informazioni relative al funzionamento del Comitato e alle modalità di attivazione della consulenza sono consultabili all’indirizzo www.paesaggiotrentino.it.

Il Comitato provinciale per la cultura architettonica e il paesaggio

Il Comitato per la Cultura architettonica e il paesaggio al lavoro.