Tu sei qui

Consiglio in carica e sua attività

Ogni Ordine provinciale è retto da un Consiglio, composto da un numero variabile di membri in ragione del numero degli iscritti all’Albo. Il nostro Consiglio, insediatosi il 21 settembre 2015, è composto da 11 membri, di cui 10 appartenenti alla sezione A e 1 alla sezione B.

Consiglio in carica e sua attività

Le cariche istituzionali prevedono il presidente, ruolo svolto da Susanna Serafini affiancata dai vicepresidenti Ugo Bazzanella ed Alessandro Franceschini, il segretario Roberta Comunello (junior), il tesoriere Marco Giovanazzi. I consiglieri sono: Alessia Buratti, Elisa Burnazzi, Raffaele Cetto, Maria Stella Marini, Francesca Odorizzi, Cristiano Zattara.

Affiancano il Consiglio Commissioni e Gruppi di Lavoro ai quali partecipano anche iscritti non eletti all’interno del Consiglio, colleghi che possono contribuire a ragionare su tematiche specifiche in base alle proprie competenze e campi di interessi.

Il Consiglio si riunisce di norma ogni quindici giorni, salvo riunioni più frequenti dettate dal maggiore carico di lavoro. Durante le riunioni, che durano in media dalle tre alle quattro ore, sono affrontati vari temi, dai più strettamente istituzionali (iscrizioni e cancellazioni in Albo, questioni di bilancio, quesiti da iscritti etc.) a quelli meno specifici, che nel corso dei decenni hanno peraltro acquisito sempre maggiore importanza nell’ambito delle funzioni di un ente che, a volerle ricondurre a quelle disciplinate dalla legge istitutiva del 1923, si ridurrebbero a ben poco se confrontate con le odierne tematiche che interessano la categoria (offerta culturale, coinvolgimento nella produzione normativa locale, esigenza di tutela degli iscritti a livello “sindacale”).

Attenti alla gestione del bilancio, per non gravare sulla categoria già provata dalla crisi, l’azione amministrativa viene rendicontata all’assemblea generale ordinaria e, con il presente report, vagliata negli aspetti non meramente economico finanziari, ma di perseguimento degli obbiettivi e degli impegni assunti.

Dal 2013 il legislatore ha inteso affidare agli Ordini Professionali anche la sorveglianza e la cura della formazione professionale continua, che costituisce la nuova e importante missione dell’ente. Come già evidenziato, dalla presente consigliatura le funzioni amministrative del Consiglio dell’Ordine sono separate da quelle deontologiche, ora affidate ad un apposito Consiglio di Disciplina.

Consiglio in carica e sua attività

n. 27 riunioni (Zattara subentra a Campolongo dalla terza riunione).