Tu sei qui

Commissione Concorsi

Concorsi e premi per ottenere un incarico e per costruire la qualità

La commissione concorsi anche nel 2017 ha affiancato il Consiglio nel monitoraggio delle proposte concorsuali (11 nel 2017) provenienti da stazioni appaltanti pubbliche e soggetti privati, al fine di tutelare gli iscritti e di ottenere architetture di qualità.

Commissione Concorsi

Concorso DisegnoDilegno 2017:

foto di gruppo dei 10 finalisti del Concorso DisegnoDilegno 2017 - Fiemme3000

Se da un lato le amministrazioni si dimostrano più propense rispetto al passato nel proporre concorsi di progettazione, e questo è un segnale senz’altro positivo, permangono comunque delle criticità che solo una forte azione culturale della categoria può tentare di risolvere.
Mi riferisco principalmente alla difficoltà di ritenere il concorso di progettazione uno strumento di assegnazione incarico per il vincitore e alla mancanza di un’adeguata pubblicizzazione dei risultati, che permetterebbero di far conoscere ai cittadini la graduatoria di merito, magari nell’ambito di una mostra.

L’Ordine può certo continuare a sensibilizzare gli enti pubblici e privati attraverso l’organizzazione di corsi e convegni. Può promuovere con un linguaggio semplice ed accessibile a tutti lo strumento del concorso di progettazione architettonica e urbanistica, come ha fatto anche nel 2017 sulla stampa e magari con il vademecum concorsi, che la commissione ha iniziato ad affrontare. E non dimentichiamo la figura del coordinatore che è una figura così importante per la buona organizzazione del concorso e per arrivare con coerenza al risultato finale: il ricorso al coordinatore, che segue tutte le fasi, va incentivato e fatto conoscere agli enti pubblici e privati. Infatti a breve anche Trento organizzerà un corso per formare questo/a professionista, sull’esempio dei percorsi formativi del CNA e prima ancora dell’Ordine degli architetti di Bologna, che alcuni membri della commissione hanno seguito.

Ma la commissione e il Consiglio possono anche essere molto più incisivi nel far conoscere quanto di utile, bello e buono si costruisca nella provincia di Trento, o magari fuori da essa, ad opera dei bravi architetti trentini. Non dimentichiamo che il concorso ha tanti pregi, ma anche dei difetti, primo fra tutti quello di essere dispendioso in termini di tempo (anche se quello a due fasi è migliore di quello ad una fase, da questo punto di vista) e la graduatoria e le immagini dei progetti non si fanno mai conoscere adeguatamente. Questo è un problema perché al di là del vincitore, è giusto che il merito sia l’elemento principale che guida un committente nella scelta del progettista.

Occorre quindi far si che i premi, le vittorie, le segnalazioni, siano conosciuti dai cittadini, in modo che la committenza, pubblica e privata, possa apprezzare la buona architettura e affidare gli incarichi a coloro i quali hanno raggiunto risultati anche fuori dal nostro territorio. Per questo motivo la commissione sta collaborando con la rivista “a” per dare notizia e mostrare gli esiti delle procedure concorsuali e sta riordinando la sezione del sito internet che riguarda i concorsi, implementandola con i premi. Invito quindi fin da ora gli iscritti a far pervenire quanto prima la comunicazione di un concorso o premio vinto o nel quale si è stati segnalati, sia in provincia di Trento, in Italia o all’estero negli ultimi 5 anni, al fine di darne giusto risalto.
Le informazioni dettagliate verranno fornite a breve attraverso un’apposita newsletter.

Concorso di progettazioone per la riqualificazione di piazza Mostra a Trento, planimetria di progetto, primo classificato (Michele Andreatta)

Referente: Elisa Burnazzi

Componenti: Carlotta Cocco,
Giulia Cristofolini, Davide Fusari,
Michele Martinelli, Simona Prezzi,
Federico Schwarz, Rocco Zanoni.