Tu sei qui

1° Congresso regionale di architettura

Tre giorni di congresso all’insegna del networking e dell’aggiornamento professionale, presso la Libera Università di Bolzano: 18 conferenze, 34 incontri di esperti, altrettanti dibattiti e altri momenti di scambio tra i 300 architetti del Trentino e dell’Alto Adige, che vi hanno preso parte.
I presidenti Serafini e Thaler : «bene la collaborazione, ora progetti comuni per rafforzare la figura dell’architetto e promuovere la qualità dell’architettura».

1° Congresso regionale di architettura

Susanna Serafini, Presidente OAPPC Trento

Wolfgan Thaler, Presidente OAPPC Bolzano

Tre giorni di congresso all’insegna del networking e dell’aggiornamento professionale, presso la Libera Università di Bolzano: 18 conferenze, 34 incontri di esperti, altrettanti dibattiti e altri momenti di scambio tra i 300 architetti del Trentino e dell’Alto Adige, che vi hanno preso parte.
I presidenti Serafini e Thaler : «bene la collaborazione, ora progetti comuni per rafforzare la figura dell’architetto e promuovere la qualità dell’architettura».

Un congresso regionale con un bilancio estremamente positivo, quello che ha visto partecipanti gli architetti trentini e altoatesini, per la prima volta riuniti in un evento formativo a scala sovraprovinciale. Il via è stato dato giovedì 16 febbraio da uno dei protagonisti del design urbano e dei materiali edili ecosostenibili Sacha Menz, rinomato professore d’architettura presso il Politecnico ETH di Zurigo, con una relazione d’apertura sul futuro dell’architettura. La tre giorni si è poi conclusa con l’intervento finale dell’archistar di Düsseldorf Christoph Ingenhoven, autore, fra le altre cose, del progetto Stuttgart-21, che sabato 18 febbraio ha presentato una rassegna delle proprie opere. Tra questi due eventi si sono svolte ben 18 conferenze che al loro termine hanno portato ad un vivace confronto tra i partecipanti.
Lo scopo del primo Congresso regionale di architettura del Trentino-Alto Adige era di fornire agli iscritti uno straordinario momento di formazione professionale, capace di coprire l’ampio spettro di tematiche con le quali la categoria degli architetti si confronta quotidianamente: a partire dal tema dell’architetto/imprenditore (Axel Paulus, Politecnico ETH di Zurigo), passando per la conservazione dell’architettura del XX secolo (Paolo Faccio, Università Iuav di Venezia), la rivoluzione digitale del metodo “BIM - Building Information Modelling” e di altre nuove tecnologie, il rapporto fra architettura e design (Gerhard Glüher e Roberto Gigliotti della Facoltà di Design e Arti, Libera Università di Bolzano), gli aspetti relativi alla responsabilità giuridica nella progettazione, le sfide della cultura edile contemporanea, fino a giungere alla presentazione dei progetti degli architetti Werner Tscholl (Alto Adige) e Mirko Franzoso (Trentino), recentemente insigniti del premio “Architetti italiani 2016”.
La prima edizione è stata organizzata dall’Ordine degli Architetti PPC della Provincia di Bolzano in collaborazione con l’Ordine degli Architetti PPC della Provincia di Trento.
Per i Presidenti dei due Ordini l’occasione del Congresso è stata un ulteriore momento per rafforzare la già stretta collaborazione tra i due Ordini che porteranno avanti le istanze degli architetti, avviando confronti anche all’esterno della categoria, con interlocutori politici e istituzionali. In futuro questa cooperazione dovrà tradursi ancor di più nell’elaborazione di leggi e direttive, che puntino a una maggior qualità del patrimonio architettonico, tanto in ambito pubblico quanto privato, e che promuovano soluzioni intelligenti nella pianificazione territoriale.
Nel corso del Congresso i partecipanti hanno fornito numerosi riscontri positivi sulla formula in cui è stato organizzato l’evento, ovvero più sessioni parallele e sulle possibilità d’incontro che non si è limitata al momento formativo ma si è ampliata anche durante le pause e i pranzi, divenuti veri e propri momenti di discussione e di confronto sul mestiere dell’architetto. Anche per queste ragioni, il Congresso regionale di architettura diventerà un appuntamento annuale fisso, che permetta la discussione e l’approfondimento di tematiche comuni.
Archiviata con successo questa prima edizione, già dai prossimi mesi si procederà con le prime decisioni relative al prossimo appuntamento nell’aprile del 2018 che si svolgerà in Provincia di Trento.